12-09-2010 ore 21.00

DIETRO `E QUINTE DE’ CE STEVA ‘NA VOTA

(O comme dichino l’intenditori U becche stage de’ce steva ‘na vota)

(O comme diceva Ezzietto “Doppo i fochi”)

 

Quanno comme su ‘n parcoscenicu appena se smorzino i riflettori a ritornassine a casa sia so pronti l’attori, contenti de’ u successu e dell’applausi, così versu ‘e nove de sera mentre ‘u fossatu se svoteva de tutta a gente che pe’ du’ giorni era visitatu ‘a fiera contenta de’ esse stata ‘n compagnia, de’esse pescatu a’ lotteria, portennu a casa chi ‘n salaminu e chi ‘n centrino e de esse magnatu a’ crepapelle pannocchie, sarsicce, bruschette e frittelle rimanino solo i volontari stracchi morti ma che pe’ magia ripipolino e parino risorti tantu che a stracchezza che caleva da ‘a schina fino ‘a i ginocchi lascia u posto ‘a na risata e a ‘n lampu dentro all’occhi: ecco du’ chitarre piino fiatu e ‘nsieme a ‘ntaburellu a’tribuna improvvisata (de’ a’ pesca) je risponne ‘n ritornellu “s’annamo a mette li’, Nannì, Nannì”.

Po’ c’è volutu ‘n attimu a mischià u’ pummidoru co’ a’ ventresca perché è arivata pure a’ pastaciutta de’ Rocci Tomboletti Francesca e pe nun fa vince a’ paura sopra all’amore se so’ stretti tutti core a core cantenno stornelli e ca’ canzone, penzenno che a festa è stata ‘n successone a de fa mejo a’ prossima rievocazione.

Gabriella Guidarelli (Una volontaria)

I commenti sono chiusi