A spesa

 

Girenno pe’ Ipermondo, mè venuto da ripensà a quannu n’cerino i supermercati e ‘a spesa se iava a fà à bottega. Mammina iava da Enzo, a Valle Violata, e io, munellu, appresso. Era bello, ì pè e botteghe: tutte luci, colori, damagnà, i detersivi che vedevi ‘n televisione a Carosello, u caffè Paulista che era proprio u caffè Paulista de ‘a pubblicità. Pè o sale se iava da u tabbaccaru; o latte, ‘nvece, cio porteva a casa Atrio co’u furgoncinu. Me ricordo i primi rigali che te devino cò sapone p’ a lavatrice. Me ricordo quannu comincettero a venne i primi DDT, quannu se ‘n ventarono o Scottex-casa o ‘e prime lamette usa e getta, cò tutti l’ommini che fionnevino i rasoi. Me ricordo quannu n’esistevino e merendine e quannu c’erino solo i Mottini. Me ricordo quannu c’era solo Pasta del Capitano (cò u corettu) e quannu ancora facevino a pubblicità dè sigherette. Me ricordo Spic e Span. Me ricordo quannu o pà era solo filoni, pagnotte e rosette, senza i topolini, i cazzottini, le schiacciatine o le treccioline de m.. Me ricordo quannu nun c’era ‘a scadenza su o damagnà e quannu u pizzicarolu era u pizzicarolu, u fruttarolu u fruttarolu e i casalinghi erino i casalinghi (mò vicino ‘a mortadella ce trovi u bancu dà frutta e appresso quillu dè ciavatte). Pò vennero i supermercati, e tutto se complicatu. U primu fu Otello, a squarciarelli, pò ne vennero atri, fino all’ipermondo, u più grossu de tutti. Pè i a fa ‘a spesa ce vo ‘a machina e ce vo pure ‘n bellu portafoiu caricu, e sì quannu sti a’ cassa te ‘ccorgi che si spesu deppiù de quello che tenghi, o paghi co ‘u Bancomat, o tocca che ripusi a robba che si piatu.

Certo, a ‘na cassiera che nun si mai vistu e conosciutu, che te parla ‘ncazzata pe u troppu lavoru e che mancu te guarda ‘nfaccia, n’ che ce po dì: Segna, che dimà ripasso!

Banana

I commenti sono chiusi