A scola

 

A matina, quandu mi capita de’ compagnà, mi nipote a scola rivengo tutta rimbambita.

Pé strada fatico, perché u juto a portà lu c…. dé zainu, che drento cè stanno ‘nzaccu dé libberi e dé quaderni, che noiatri cè facessimo tutti e cinque l’anni dè scola (quilli che potevino studià e che tenevino fantasia).

Quandu rivemo, doppo che sé fermatu a compra a `mmerennina (bono pà e marmellata fatta a casa!) c’è na’ confùsione de’ tutti sti munelli, che se chiamino, che curino sotto a li c…. de’ zaini e me parino tante tartarughe giganti e io tremo, perché si sé drizzi ‘npò, caschino a part’addietro co’ lù pesu, e rimanino a panza all’aria comme i bagarozzi. Pori munelli!

Po’, quilli che rivino ‘nmachina co’ u parcheggiu ‘ntasatu, e madre ce dichino, che tenno du scegne a volu, allora tenne da fà davero l’equilibristi!

Certe vote portino certe righe e squadre lunghe, chè né doprino nemmanco l’ingegnieri, tenghi dà stà attente chè ‘ntè cechino l’occhi.

A u 2000 che se cerca da fà tutto più semprice, sverto, sintetico i munelli de scola so penalizzati!

Triste po’, si tè chiedino quà consiu pè fa i compiti. È arabo. Tuttu contortu, tuttu ‘llungatu. Pe’ fà e tabbelline, tenno da jempì ‘nquadernu dè palline o contà certi bastoncelli de’ plastica colorati dè diversa lunghezza (i regoli sé chiamino) pè rivà a capi che due più due fa’ quattro, e quattro per due fa’ otto, comme c’essimo spiegatu prima noiatri, che e tabelline e tenemo be ficcate drento u cervellu, perché ce’ facevino ripete tante vote, a voce arta comme nà cantilena, che da viale S. Nilo a sentevin fina ‘mpiazza.

Quandu noiatri, ripensemo a scola, subbito cè vè mente a maestra, che più dè vote, te pieva ‘mprima e te porteva fino a quinta. Erino dè feru lè maestre, nù stevino mai male! (perché solo pè quello manchevino).

Ma comme faranno sti munelli a ricordassele, che frà maestre e supplenti, so quattro o cinque?

E i bidelli? So armeno 3 per pianu. Pare n’ufficiu ‘nformazioni. Pora Arbina, teneva a bada tutte l’elementari e scopeva e sporvereva tutte e classe.

Forse ‘nricordu che se porteranno sti munelli, saranno l’amici e fra quisti senz’altro, se ricorderanno de quillu particolare, de quillu meno fortunato de issi, l’handicappatu, che l’hanno accettatu, che l’hanno jutatu, che l’hanno capitu e che issu ha ripagati co’ tantu affettu, e cià insegnatu l’umanità e l’amore pe’ u prossimu.

Bruna

I commenti sono chiusi