A Festa du Patronu San Nilo

Quist’anno comme tutti l’anni u 26 settem6re, se festeggia a’ grottaferata u patronu. Na’vota a stà festa partecipeva tuttu u paese, se ‘ncominceva dà matina presto cò nu scampanio (pè ricordatte dè i a messa) e seguiteva cò certi botti che rintroneva tuttu u paese, pò passeva pure a banda musicale, dé cà corpu dell’esercito o de cà paese vicinu.

U paese era tuttu addobatu cò é luci su u corsu, ae finestre u drappu, cèrino e bancarelle pè à gioia di munelli, che se scatenevino a fasse comprà ca’cosa, ì negozi stevino chiusi comme é scole e l’uffici, n’somma nun sé lavoreva lù giorno.

U pommeriggiu tardi pò passeva à processione cò l’archimandrita acchittatu, cò a corona tutta piena de lì luccichini che quasi te cecheva pè a luce, era seguito da un sindacu, u capu di vigili cò u stendardo de Grottaferata, e cà politicu locale (che cè iava solo pè fasse vede) po’ arriveva u nostru amatu Patronu San Nilo portatu à spalla dai novizi de a’abbazia, a seguì à gente commune. A’sera c’era sempre cà cantante più o menu famosu che ‘ntratteneva à gente fino à arivà ai fochi, n’somma se passeva nà bella giornata.

Cò l’anni stà festa è ita sempre più à scomparì, pianu pianu hannu ridotto à fiera fino a toiela, doppo pure ì negozi so rimasti aperti, n’somma de sta festa ce sò rimasti solo ì fochi! Detto quistu, voio lancià n’appellu au nostru amatu sindacu Ghelfi pè fa tornà sta giornata dé festa à quillo che era primma, facendo chiude ì negozi pè lu giorno (comme fanno l’atri paesi, rimette a fiera “na’ vota c’era” (Fatta proprio bè), pè à gioia de noiatri e dé u nostro amatu patronu San Nilo.

Stefano Silvagni

I commenti sono chiusi